Obiettivo fondamentale dell’articolo: informare tutti della proroga fino al 31 dicembre 2019 del BONUS RISTRUTTURAZIONI. Per evitare di ritrovarsi all’ultimo, a dicembre magari, a voler effettuare una tanto attesa ristrutturazione è bene conoscere fin da ora come e cosa si può fare.

Ad esempio, nel caso si abbia una vecchia casa di proprietà, magari appartenuta ai nonni, una rinnovata completa ora è la soluzione giusta per poter dare una sicurezza a un figlio o una figlia che hanno il progetto di andare a vivere da soli. Oppure trasformare, senza pensieri, un vecchio fienile abbandonato in una casa moderna e confortevole per giovani coppie.

Insomma, la possibilità di utilizzare questo bonus ritrovandosi nelle tasche poi il 50 % degli investimenti effettuati, non può essere trascurata. È proprio dell’anno scorso un esempio straordinario di ristrutturazione che abbiamo portato a termine con soddisfazione dei nostri clienti.

Una vecchia stalla appartenente a generazioni precedenti è stata rimessa a nuovo per una giovane coppia che potrà così avere un luogo sicuro dove poter far crescere i propri figli. Per realizzare questa trasformazione sono state effettuate le seguenti operazioni:

  • consolidamento tetto in legno esistente;
  • recupero e posa in opera manto in tavelle del tetto;
  • posa in opera dell’isolamento termico e acustico del manto di copertura;
  • realizzazione isolamento a cappotto;
  • realizzazione impianto riscaldamento a parete e intonacatura interna.

In questo modo abbiamo consegnato una casa totalmente sicura, nuova e abitabile, ma soprattutto certificata energeticamente che consentirà ai proprietari di risparmiare, fin da subito.

Vediamo ora in dettaglio quali sono i lavori che risultano idonei per questo BONUS:

  1. manutenzione straordinaria, restauro  e ristrutturazione edilizia di una o più unità abitative;
  2. manutenzione straordinaria e ordinaria, restauro, risanamento e ristrutturazione sulle parti comuni dei condomini;
  3. ricostruzione e ripristino immobile danneggiato;
  4. realizzazione di autorimesse e posti auto;
  5. interventi di bonifica amianto;
  6. interventi per la prevenzione di atti illeciti, come furti;
  7. interventi volti alla riduzione dell’inquinamento acustico, risparmio energetico, misure di sicurezza statica e antisismica per gli edifici.

Inoltre sono detraibili al 50% anche: le spese di progettazione e altre prestazioni professionali, compenso per la relazione di conformità dei lavori, IVA, bollo e diritti pagati per ottenere concessioni, autorizzazioni e comunicazione di inizio lavori, oneri di urbanizzazione.

Per poter usufruire del bonus ci sono però, delle pratiche burocratiche che noi di Callegaro costruzioni saremo puntuali ad assolvere per evitarti inutili situazioni di STRESS e arrabbiature.

Non ci resta che invitarvi a scriverci una mail per ulteriori informazioni ed altri dubbi a riguardo, in modo da farvi prendere la decisione giusta ed essere convinti di iniziare un’opera di ristrutturazione, oggi, per essere più sereni, domani, risparmiando un bel po’ di soldi.

P.S.: vi invitiamo a visitare questa pagina che vi mostrerà, passo passo, come è diventata la stalla che vi abbiamo raccontato nella prima parte di questo articolo.

A presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *